Giovedì, 15 Novembre 2018

Teatro: domani a Sambuca prima nazionale per "Il muro del silenzio"

Sicilia, Cultura

SAMBUCA. "Il muro di Silenzio, studio per una tragedia siciliana", con la regia di Paolo Mannina, debutta in prima nazionale domani, sabato 24 maggio ore 21, al teatro l'Idea di Sambuca (replica il 25). Lo spettacolo tornerà in scena il 27 e 28 maggio al teatro Garibaldi di Palermo.
Un testo forte e di denuncia rappresentato per la prima volta a Napoli nel 1963. L'autore, Paolo Messina, era un giovane drammaturgo palermitano di belle promesse e il cast era formato da attori formidabili, tra i protagonisti: Paola Borboni, Giammaria Volontè e Carla Gravina.  Ma la pièce, che affrontava in quegli anni un tema scottante, analizzando le lacerazioni di una famiglia taglieggiata da un mafioso locale, nonostante i successi raccolti in tutta Europa, fu presto estromessa dal repertorio rappresentato in Italia e dimenticata. La Rai, che avrebbe dovuto mandarla in onda, la censurò giudicandola «non adatta al suo pubblico».
«Non doveva essere facile in quegli anni - spiega Paolo Mannina - portare sul palcoscenico le contraddizioni di una vicenda protomafiosa che si prestava ad un' interpretazione non univoca; soprattutto in anni in cui la Mafia era qualcosa più di un'ombra: un sistema di vita, un modo di pensare, una sottocultura popolare. L'opera - prosegue - fu presto dimenticata e intorno all'autore si venne innalzando quello stesso muro di silenzio che egli avrebbe voluto metaforicamente far cadere, rappresentando una storia di ordinaria omertà».
A quasi 50 di distanza una compagnia di attori si trova alle prese con la riedizione dell'opera prima di Paolo Messina. Sul palco: Bruno Di Chiara, Antonio Faranna, Alberto Lanzafame,
Viviana Lombardo, Paolo Pintabona e Ada Simona Todaro. Scene di Antonio Di Prima.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X