Giovedì, 15 Novembre 2018

A Mussomeli manca l'anestetista: bimbo trasferito a Palermo

Fabrizio Farinella racconta l’odissea del figlio Michael: «Non accuso nessuno, ma i servizi per gli utenti devono essere migliorati»

MUSSOMELI. Ora che il peggio è passato, adesso che suo figlio Michael è tornato a casa, Fabrizio Farinella, operaio impegnato al Comune attraverso il Reddito minimo, racconta l’esperienza vissuta dal figlio, «non - come intende precisar e- per accusare qualcuno, ma soltanto per chiedere maggiori servizi a beneficio degli utenti dell’ospedale Longo». Per Michael infatti, dopo una caduta in piazza, si è reso indispensabile un intervento chirurgico, ma i medici del Longo, a causa dell’assenza di specifiche professionalità interne, sono stati costretti a trasferirlo a Palermo. Ma ecco il racconto di Fabrizio Farinella.
GI. TA.
UN SERVIZIO NELL'EDIZIONE CALTANISSETTA DEL GIORNALE DI SICILIA.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X