Giovedì, 20 Settembre 2018

Poco personale al parco archeologico di Gela, Mura "vietate": è polemica

Il presidente dell’Archeoclub lamenta anche disservizi e pulizia carente. Oggi e domani il museo e le Mura Timoleontee saranno aperti per la Settimana delle Cultura

GELA. «Sarebbe meglio risotterrare tutto, altro che turismo archeologico». Alcuni turisti trovano i siti archeologici chiusi e scoppia la polemica. A parlare è Nuccio Mulè, presidente della sezione locale Archeoclub d’Italia che commenta lo stato di degrado che affligge il patrimonio archeologico di Gela. Un’accusa pesante indirizzata al Dipartimento regionale dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana, colpevole «per gli investimenti annunciati e mai attuati che avrebbero permesso anche di rivalutare l’archeologia a mare e militare del territorio». A scatenare la reazione del presidente dell’Archeoclub d’Italia, la chiusura al pubblico per carenza di personale del sito delle fortificazioni greche di Caposoprano. Cancelli sbarrati e un gruppo di visitatori provenienti da Partinico è stato costretto a fare marcia indietro.


UN SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI CALTANISSETTA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X