Sabato, 22 Settembre 2018

Formazione, trasferimenti al Ciapi Ancora in bilico 1.800 lavoratori

PALERMO. Ancora in bilico i 1.800 ex dipendenti della formazione professionale che erano stati trasferiti al Ciapi di Priolo. Governo e sindacati, in una lunghissima riunione appena terminata, non hanno trovato una soluzione per la loro riassunzione. Anzi, l’ipotesi di affidare il servizio di orientamento professionale e lavorativo ad alcuni enti privati che avrebbero poi assorbito questo personale è naufragata davanti a problemi tecnici. «Se ne riparlerà la prossima settimana ma torna d’attualità - spiega Giuseppe Raimondi della Uil - l’ipotesi di far lavorare questo personale di nuovo al Ciapi di Priolo».
Governo e sindacati hanno anche iniziato a discutere del piano che dovrà portare a prepensionamenti ed esodi incentivati: 900 i lavoratori interessati. Pronti 44 milioni per finanziare l’operazione. «Ci saranno tre opportunità per lasciare la formazione - spiega Raimondi - il prepensionamento che vedrà un incasso pari all’80% del netto dello stipendio e il versamento integrale dei contributi. Oppure la ricollocazione in altri settori produttivi sfruttando un bonus da determinare e che verrebbe assegnato al lavoratore e all’impresa che lo accoglie. Infine, la Regione prevede di dare 20 mila euro a ogni lavoratore che decidesse di lasciare i corsi professionali per aprire un’impresa».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X