Sabato, 22 Settembre 2018

Riesi, centrale dell’acqua «picchettata»

RIESI. Scatta la vigilanza notturna per la centrale di contrada Pantano dove viene trattata e veicolata tutta l'acqua che serve per dissetare Riesi. È questa la prima misura adottata da Caltaqua a tutela di un impianto andato fuori esercizio per un furto di cavi elettrici. La vigilanza è stata affidata ad un istituto privato. Il furto di rame, com'era largamente prevedibile, ha avuto pesanti riflessi sulla distribuzione idrica a Riesi sebbene Caltaqua per tamponare la situazione abbia messo in funzione un gruppo elettrogeno per garantire il parziale ripristino della centrale di contrada Pantano. I dirigenti della società spagnola, già lunedì pomeriggio, si erano riunite per affrontare le principali criticità provocate dall'incursione ladresca. Nel corso del vertice è stato deciso di attivare la sorveglianza notturna - nelle ore diurne l'area è presidiata da personale di Caltaqua - a salvaguardia di una centrale nevralgica per le sorti idropotabili di Riesi. «Caltaqua - viene rilevato in una nota della società - sta compulsando in maniera costante e sistematica i competenti uffici dell'Enel per ottenere in tempo reale informazioni utili circa gli interventi di specifica ed esclusiva competenza dello stesso ente. Informazioni - prosegue la nota - indispensabili a Caltaqua per poter, a propria volta, far conoscere all'utenza di riferimento i tempi del ritorno alla regolare distribuzione idrica nella zona interessata dagli ultimi disservizi». L'attività dei ladri di rame stavolta ha colpito duramente Riesi dove ieri la distribuzione idrica è stata singhiozzo o sospesa del tutto in alcun quartieri. L'azione ladresca, infatti, ha messo fuori uso i pozzi di sollevamento originando un deficit idrico di vaste proporzioni. Gli stessi disagi, anche se in forme diverse, di cui avevano sofferto in precedenza i residenti di Bompensiere (dove per lungo tempo i telefoni sono rimasti muti) e successivamente alcune borgate di San Cataldo rimaste prive di energia elettrica. I frequenti furti di rame, come è stato ampiamente dimostrato, hanno l'effetto di mettere in ginocchio intere comunità private spesse di servizi essenziali.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X