Giovedì, 20 Settembre 2018

Il governo "salva" 471 ex Pip con piccoli reati

Sicilia, Politica

PALERMO. Il governo Crocetta ha deciso di dare un'altra chance a 471 ex Pip (precari della pubblica amministrazione) che hanno commesso piccoli reati o infrazioni anche dopo il 2001: rimarranno al lavoro mantenendo dunque il sussidio pubblico da 832 euro al mese, ma non presteranno i loro servizi all'interno degli uffici ma in progetti al vaglio dell'assessorato al Lavoro, come la gestione del verde pubblico e la pulizia dei piazzali degli ospedali. Gli esclusi in via definitiva dal bacino di "Emergenza Palermo" sono 450, 250 per avere commesso gravi reati anche di mafia, e 200 per avere un reddito Isee al di sopra dei 20mila euro come prevede la legge regionale.
In servizio rimangono dunque 2.100 precari, più i 471 'salvati' ma, come ha detto il governatore Rosario Crocetta, "incompatibili con il lavoro all'interno degli uffici pubblici".
"Abbiamo fatto una verifica approfondita dell'elenco - ha affermato l'assessore al Lavoro Giuseppe Bruno - e ovviamente i controlli su chi è rimasto proseguiranno, chi sbaglierà e tornerà a delinquere sarà espulso".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X