Domenica, 18 Novembre 2018

Regione, Crocetta: "Basta allarmismi, i conti sono ok "

Sicilia, Politica

PALERMO. "Basta con gli allarmismi sui conti della Regione. Il governo sta dimostrando di avere in mano la situazione nonostante la pesante eredità lasciata dai governi precedenti. Con la manovra annunciata siamo in grado di governare l'impatto relativo alle modifiche del patto di
stabilità da parte del governo centrale, lo faremo lottando in modo chiaro gli sprechi e legando le politiche della legalità a quello per lo sviluppo". Lo dice all'ANSA il governatore, Rosario Crocetta, in merito alla situazione finanziaria della Regione anche alla luce del decreto Renzi sull'Irpef. "Nonostante ciò - aggiunge - c'è chi si avventura in ragionamenti tirando persino in ballo la Corte dei Conti nell'ottica della parifica del rendiconto 2013. Voglio essere chiaro: dal consuntivo del 2013 emergerà un saldo positivo di non meno di 100 milioni. Ciò si aggiunge ai profondi tagli che abbiamo già fatto, contribuendo ad abbattere il saldo negativo di 1 miliardo registrato nel 2012 e che abbiamo ereditato, portandolo a soli 400 milioni".


"ANDIAMO AVANTI NONOSTANTE CALUNNIE". "Risanamento dei conti, sviluppo e lotta alla corruzione sono inscindibili: proprio questa strategia che il mio governo ha adottato sta facendo uscire la Sicilia dal lungo incubo in cui è stata cacciata in passato. Ma contro questa azione si stanno scagliando i poteri forti del malaffare ricevendo l'inaspettato assist di qualcuno che magari dall'opposizione negli anni passati non ha sentito la necessità di fare alcuna critica nei confronti dei governi che portavano allo sfascio l'isola con una finanza allegra", continua Crocetta. Il presidente parla apertamente anche di "fuoco amico" sul governo e "sull'azione che stiamo portando avanti per lottare gli sprechi e risanare la spesa". "Ma i siciliani - sostiene - non hanno le patate negli occhi, capiscono molto bene che dalla situazione terribile che abbiamo ereditato si esce con politiche che tolgono risorse al malaffare per destinarle ai lavoratori, ai poveri e alle imprese". E conclude: "Gli untori continuino pure a diffondere il morbo della calunnia, noi tiriamo dritto perché sappiamo di avere intrapreso una grande azione per il bene della Sicilia, forse l'ultima e unica possibile".


"TAGLI AGLI SPRECHI. I CITTADINI NON SARANNO PENALIZZATI". "Taglieremo gli sprechi nella sanità rimettendo ordine nella spesa farmaceutica dove si spendono 230 milioni in più e in quella per 'beni e servizi' con tagli da 90 mln, oltre che sulle assicurazioni, con una riduzione di 40 mln. Certamente non saranno i cittadini ad essere penalizzati. Anzi. Metà dei tagli agli sprechi saranno utilizzati per riqualificare il sistema della sanità in Sicilia, l'altra metà per le esigenze di bilancio". Così il governatore spiega la manovra concordata ieri con gli assessori all'Economia Roberto Agnello e alla Salute Lucia Borsellino per fare fronte al decreto Renzi sull'Irpef, il cui impatto sui conti delle Regioni sarà valutato domani in Conferenza delle Regioni, convocata in seduta straordinaria.
Crocetta stima di recuperare circa 400 milioni, "frutto - afferma - della lotta agli sprechi e alla corruzione nella snaità". E rispetto alle critiche del presidente della commissione Bilancio dell'Ars, Pippo Digiacomo (Pd), Crocetta dice: "Digiacomo ha sempre condiviso la lotta agli sprechi, sa bene che non abbiamo alcuna intenzione di tagliare i servizi ai cittadini. Se è un vero riformista e un uomo che ama la Sicilia non potrà che condividere questo approccio".


"SERVE REVISIONE DEL REGOLAMENTO D'ASSEMBLEA". "Probabilmente serve una revisione del regolamento dell'Assemblea per avere tempi certi e rapidi quando si affrontanbo riforme importanti, riflettendo anche su ruoli, competenze e tempi delle commissioni parlamentari". Crocetta reputa "fondamentali" in questo momento il cosiddetto pacchetto "salva-Sicilia": ddl pagamenti, manovra-bis e ddl sviluppo. "Occorre fare in fretta", avverte. 



"FIDUCIOSO SULLE RIFORME SALVA-SICILIA". "Sono fiducioso e convinto che l'Assemblea, a di là di alcune situazioni che riguardano i  partiti, supporterà la politica di riforme e i disegni di legge necessari alla salvezza della Sicilia". Lo dice il governatore Rosario Crocetta, a poche ore dalla seduta dell'Ars sul ddl pagamenti.


© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X