Domenica, 23 Settembre 2018

Europee, scontro Crocetta-Raciti durante la direzione del Pd

Cracolici e Lumia restano fuori Candidata Nelli Scilabra
Sicilia, Politica

PALERMO. Sorpresa nelle liste del Pd per le Europee. Tra i candidati per il collegio Sicilia-Sardegna figurano il segretario regionale del Pd, Fausto Raciti, Tiziana Arena, Giovanni Barbagallo, Marco Zambuto e l’assessore alla Formazione, Nelli Scilabra. Manca in lista i nomi di Antonello Cracolici, Beppe Lumia e Sonia Alfano. E intanto volano gli stracci tra il segretario del Pd siciliano, Fausto Raciti e il presidente della Regione, Rosario Crocetta.
Nella riunione della Direzione nazionale del Pd, Crocetta ha chiesto che non sia la Chinnici capolista ma Giusi Nicolini. “Caterina Chinnici – ha detto Crocetta - è figlia di un magistrato, che è stata assessore nel governo Lombardo condannato per mafia. La mia analisi è politica. Ognuno risponde della propria storia, ma non si può essere persona per tutte le stagioni, vedrei meglio Giusi Nicolini capolista ed eviterei sinceramente di mettere in lista una persona che è stata assessore con Lombardo”.
Secca a seguire la replica di Raciti: “Apprezzo l’eleganza di Crocetta nel riferirsi alle persone – ha detto - Chinnici è stata indicata non per il nome ma sulla base di un mandato sottoscritto dalla Direzione regionale siciliana. È una grande esperta di minori, di grande sensibilità sociale. Sono sempre più stupito dal doppiopesismo adottato nelle discussioni. Chiedo che Chinnici vada mantenuta nella posizione di capolista, ma inviterei a verificare che in sua giunta non ci siano situazioni ben più gravi”.


RACITI PROPONE CRACOLICI: CONTRARIO CROCETTA. A sorpresa Raciti chiede di inserire Antonello Cracolici al suo posto in lista, anche perché, dice, “è stato votato dalla Direzione regionale del partito”. Ma Crocetta interviene a ruota: “Se si inserisce in lista Cracolici, allora propongo di sostituire Nelli Scilabra con Giuseppe Lumia”.
Interviene Concetta Raia: "Credo che quanto posto da Raciti sia corretto e giusto. Il punto è il rispetto delle regole che questo partito deve accettare. In Sicilia abbiamo votato un elenco in cui era compreso Cracolici e non Raciti che invece sta facendo un buon lavoro da segretario regionale".
Parla Mila Spica, vicepresidente del Pd siciliano, che difende Crocetta. "Sono sorpresa perchè mi sembra che stiamo facendo un discorso tutto interno alla politica che i nostri elettori capiscono pochi. Stiamo tentando di fare lista del rinnovamento, ma quello che traspare è uno scontro muscolare tra parti e io penso che è esattamente quello che non dobbiamo fare per non ammazzare la campagna elettorale. La Sicilia ha bisogno di liste nuove e di rinnovamento. Spero che la lista rimanga questa".
Davide Faraone: "Credo che in questo momento ci sia una proposta della segreteria nazionale su tutte le liste e su quella bisogna votare. Bisogna avere rispetto per la sintesi trovata. Sono rappresentate tutte le anime, per cui l'invito che faccio è di non continuare con questa storia che interessa a pochi e spostare il dibattito siciliano altrove".


© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X