Giovedì, 15 Novembre 2018

Palermo, detenuti per pulire la città

Buonasera, carissimi cittadini palermitani, da molto tempo guardo con disgusto le vie della nostra Palermo, dire sporche è un complimento, meglio dire luride, ove i viali coperti da erbacce che non solo coprono, ma che nascondono foglie dello scorso autunno, carte pubblicitarie, resti animali e anche qualche mattone fuori posto.
Può mai essere, che si deve leggere su siti turistici che, Palermo è una bella città, ricca di cultura e tante altre belle parole spese, ma che sia invivibile?
La cultura del palermitano, che se ne frega del proprio luogo, ma pronto a giudicare sull'operato altrui, vuole per una volta far etica ed aver un po' di buon senso?
Alle istituzioni, chiedo o forse consiglio di prendere a modo, altre nostre città italiane che utilizzano i loro detenuti per pulire la città insieme agli operatori, non bastano scopa, paletta e sacchi neri per spazzare a terra?
Dobbiamo svegliarci, chiedo ed imploro le autorità a prendere seri provvedimenti, Palermo non è solo via Roma, i centri di cultura e di culto, ma ogni singolo quartiere che stanno cadendo nel degrado. Strade sporche ed al buio fanno della nostra città un luogo non sicuro non solo per i turisti, che spendono i loro soldi per le nostre attività, ma soprattutto per noi che ci viviamo.
Giuseppe Sicari, Palermo

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X