Giovedì, 20 Settembre 2018

La ricetta anti-Juve, Montella: "Giochiamo con gioia"

L'allenatore della Fiorentina prova a dispensare serenità nei suoi alla vigilia del ritorno contro i bianconeri negli ottavi di Europa League. "Sarà difficile anche per la squadra di Conte"
Sicilia, Sport

FIRENZE. La «Partita», con la P maiuscola. Dopo l'1-1 dell'andata nello stadio invincibile della Juve, la Fiorentina aspetta in casa - con una città alle spalle che freme - la rivale più acerrima. Ma per arrivare ai quarti di Europa League, Vincenzo Montella ha una sola ricetta: «Domani dobbiamo giocare con gioia, senza snaturare le nostre caratteristiche», dice il tecnico viola. Un'indicazione tecnica, che sa anche di voglia di alleggerire l'atmosfera di una partita da alte temperature. «La Juventus sa che quella di domani sarà una partita difficile anche per lei. È che loro abituati a farle, anzi, hanno vissuto vigilie e match con un posta maggiore in palio», ha detto Montella alla vigilia del ritorno degli ottavi di finale di Europa League. Si ripartirà dal prezioso pareggio con gol della settimana scorsa, che consentirebbe alla squadra viola persino di fare 0-0: «Dalla mia Fiorentina mi aspetto che giochi con gioia, che non si snaturi per ottenere il risultato - sottolinea Montella - . C'è bisogno di vigore in gare di questo tipo. Antonio Conte? Ho stima per lui. È vero che da quando allena, durante la partita, è tutta un'altra persona. Trasmette la sua voglia di vincere alla squadra». E quando gli viene chiesto della formazione che domani potrebbe giocare Montella assicura che «sinceramente ancora non ho deciso, vediamo domattina. Gomez sta crescendo di condizione, voglio valutarlo bene - nell'allenamento di rifinitura -.  Contro la Juventus ci sta di iniziare con un modulo e finire con un altro. Cuadrado? Domani mi posso giocare qualcuno anche a gara in corso. Vediamo, ci sono varie opzioni. Per Mati Fernandez, invece, decisivo sarà l'ultimo allenamento». Fiorentina-Juventus sarà diretta dall'inglese Webb, uno dei migliori arbitri al mondo: «Siamo contenti, è un arbitro di grande personalità». Ai microfoni di Lady Radio oggi Batistuta ha detto «Vorrei giocare io con la Juventus. Quando la Juve ha scritto »Buona la Fiorentina a pranzo« dopo l'1-0 di Torino, solo questo mi basterebbe a caricarmi...io gli mangerei le orecchie. Bisogna trovare la carica, bisogna spaccare il campo». Non è dello stesso avviso Montella: «No, questa partita no. Mi sarebbe piaciuto giocarne altre. Non avevo le caratteristiche giuste per giocare contro questa Juve. Avrei scelto più volentieri Batistuta». Infine, alla domanda se un giorno potrà allenare la Juventus, Montella risponde: «Sono un professionista ma spero di allenare per tanto tempo questa Fiorentina che sta continuando a crescere col suo progetto». Nella conferenza stampa pre-match era presente anche il capitano viola, Pasqual: «C'è la possibilità di toccare con mano un trofeo quest'anno. Se dovessi togliere qualcosa alla Juve toglierei le geometrie di Pirlo, è uno che fa la differenza -ha detto il capitano viola -. Firenze aspetta questa partita con grande tensione, la squadra è molto più serena rispetto a quel precedente. Poi ci penserà il pubblico a darci la carica finale prima di entrare in campo».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X