Sabato, 17 Novembre 2018

Riesi, il Comune vuole più turni pomeridiani ma c'è lo stop dei sindacati: «Impiegati da tutelare»

RIESI. «Occorre istituire l’Ufficio relazioni con il pubblico per garantire ai cittadini servizi anche nelle ore pomeridiane». È la controproposta formulata dai sindacati al sindaco Salvatore Chiantia, che invece aveva recentemente prospettato la rimodulazione dell’orario di servizio per i dipendenti comunali. Il presidente della Rsu (Rappresentanza sindacale unitaria) Vito Volpe ed i delegati di Cisl e Cgil Giuseppe Cinque, Gaetano Sanfilippo, Massimiliano Testa, Stefano Calascibetta, Giuseppe Taibbi e Lillo Sanfilippo, ieri mattina, nel corso di un incontro, hanno ribadito al sindaco il loro disappunto sulla proposta avanzata, che prevede l’apertura al pubblico degli uffici dal lunedì al giovedì dalle ore 8,25 alle 13,10, e dalle 15,30 alle 18,30, il venerdì dalle ore 8,25 alle 13,25. In sostanza, con la nuova programmazione, per i dipendenti si prospettano altri 3 rientri pomeridiani. Attualmente invece gli uffici comunali sono aperti dal lunedì al venerdì dalle ore 7,45 alle 14,15 ed il giovedì pomeriggio dalle ore 15,30 alle 19. «I sindacati ed il personale vogliono collaborare con l’amministrazione per assicurare più servizi alla cittadinanza – spiega il presidente della Rsu Vito Volpe -. Risultato che si può ottenere anche senza penalizzare il personale. È possibile infatti istituire e aprire un ufficio Urp anche di pomeriggio, come avviene in molti Comuni italiani ed erogare così tutti i servizi necessari alla comunità. Il personale si è reso disponibile a condividere iniziative finalizzate a offrire più servizi agli utenti. I rientri pomeridiani comportano un aggravio di spese per l’Ente e penalizzano solo i dipendenti». Il segretario provinciale della Cisl Gianfranco Di Maria, ha più volte ribadito che la rimodulazione dell’orario di servizio prospettata dal capo dell’amministrazione, è inattuabile poiché non rispetta quanto previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro. «Riteniamo valida la rimodulazione dell’orario di lavoro che abbiamo proposto per garantire più servizi ed un accesso maggiore agli uffici in favore dei cittadini – dice il sindaco Salvatore Chiantia -. Non ci sono norme che ci impediscono di attuarla. Tuttavia, valuteremo la proposta presentata dai sindacati. Proprio per assicurare il controllo del territorio e servizi di viabilità abbiamo assicurato la turnazione dei vigili urbani sino alle ore 22». La prossima settimana il sindaco incontrerà nuovamente i rappresentanti sindacali per definire la questione relativa all’orario di apertura degli uffici comunali.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X