Domenica, 23 Settembre 2018

“Furti di benzina dalle ambulanze” Buco da 300 mila euro alla Seus

I vertici della società che gestisce il 118 si sono accorti che su un mezzo fermo da mesi perché guasto venivano ugualmente spesi di carburante per 40 mila euro. Su tutto questo indagano i carabinieri di Palermo. L’inchiesta sarebbe ancora in fase iniziale: sono stati fatti alcuni interrogatori ma non ci sarebbero indagati
Sicilia, Cronaca, Politica

PALERMO. Il sistema ha iniziato a scricchiolare quando i vertici della Seus, la società che gestisce il 118, si sono accorti che su un’ambulanza da mesi ferma perchè guasta venivano ugualmente «caricate» spese di benzina per 40 mila euro circa. Come può costare tanto un mezzo rimasto parcheggiato per mesi? Da qui è partita prima la verifica interna e poi la denuncia che ha fatto esplodere un altro caso: il presunto furto di benzina dalle ambulanze.
Alla Seus il buco causato da questo nuovo caso sarebbe di almeno 300 mila euro, secondo le prime verifiche. Resta da accertare se si tratta di spese per benzina mai acquistata o di un vero e proprio furto di benzina dalle ambulanze che ovviamente a cascata provoca l’aumento della spesa per il carburante. Su tutto questo indagano dai giorni scorsi i carabinieri di Palermo. L’inchiesta sarebbe ancora in fase iniziale: sono stati fatti alcuni interrogatori ma non ci sarebbero indagati.
Angelo Aliquò, neo direttore della Seus, conferma che è in corso una indagine «e per questo motivo la società preferisce non fornire alcun dettaglio su quanto accaduto».
UN SERVIZIO SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X