Mercoledì, 19 Settembre 2018

Artigiani contro la Regione: ci deve 190 milioni

Il credito vantato da 3.500 aziende a titolo di contributi. Fatte assunzioni con contratti di formazione e lavoro dal 1991 al 1996. Impiegati centinaia di giovani, ma nessun aiuto è stato incassato
Sicilia, Economia

PALERMO. Una bomba ad orologeria pronta a fare esplodere i conti della Regione. Ad accendere la miccia potrebbero essere 3.500 imprese artigiane siciliane che vantano dalla Regione 190 milioni di euro (per una media di 54 mila euro a testa) a titolo di contributi, per avere fatto assunzioni con contratti di formazione e lavoro dal 1991 al 1996. Cifra destinata a lievitare se continueranno le procedure giudiziarie e i pignoramenti delle risorse regionali: in questo caso, la Regione sarebbe costretta a sborsare più di 300 milioni di euro, se al debito originale si sommano anche i costi per le spese legali di riscossione.
UN APPROFONDIMENTO SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X