Domenica, 23 Settembre 2018

Stato-mafia, Messineo: "Rischio delegittimazione per i pm"

Sicilia, Cronaca

PALERMO. «Indebita ingerenza su un processo  in corso e delegittimazione dei pm, col rischio per la loro  sicurezza». Intervistato da «A Ciascuno il suo» di Radio24, il  procuratore di Palermo, Francesco Messineo, segnala «questo  rischio» a proposito delle «preoccupazioni» espresse dalla  Direzione nazionale antimafia sull'impianto del processo sulla  trattativa Stato-mafia.  Per Messineo il rischio della delegittimazione sarebbe da  collegare anche alle valutazioni espresse da due studiosi, lo  storico Salvatore Lupo e il giurista Giovanni Fiandaca, nel  saggio «La mafia non ha vinto», edito da Laterza.   «Le due cose - dice ancora il procuratore - sembrano  coincidere verso lo stesso punto, anche se non c'è un nesso. Di  sicuro non sono incoraggiamenti, ma non ci facciamo  impressionare».  Sui dubbi mossi dalla relazione della Dna, Messineo osserva:  «Le argomentazioni mi hanno sorpreso, perchè una discussione su  un processo in corso non rientra tra i compiti della Direzione  nazionale antimafia. Criticare pubblicamente l'operato  dell'ufficio dei pm - prosegue Messineo - è qualcosa che  sorprende. Non c'è dubbio che additare i magistrati come coloro  che fanno qualcosa di sbagliato in un ambiente come quello  siciliano è una forma di delegittimazione e non contribuisce  alla sicurezza degli stessi magistrati. Ma siamo in presenza di  legittime opinioni: sia quelle dei professori che quelle della  Dna. Il mio timore è che possano influire sui giudici che devono  pronunciarsi sul processo. Si entra pienamente nel processo». 


LUPO: “NESSUNA INGERENZA SOLO ANALISI”. Nessuna ingerenza nel processo sulla trattativa Stato-mafia, solo le analisi di uno studioso. Lo storico Salvatore Lupo risponde alle polemiche suscitate dal saggio scritto con il giurista Giovanni Fiandaca e alle "preoccupazioni" espresse dal procuratore di Palermo, Francesco Messineo, sulla delegittimazione e sulla sicurezza dei pm.
 "Confido naturalmente - dice Lupo - che la sicurezza dei pm sia ben tutelata. Lungi da me contribuire, in qualsiasi modo, a metterla in discussione. Osservo però che di queste cose si discute non solo nelle aule giudiziarie ma a gran voce sui giornali, nella pubblicistica e in tv con larga partecipazione dei magistrati, compresi quelli impegnati nel processo".
"Non vedo perché proprio io - aggiunge lo storico che ha pubblicato numerosi saggi sulla mafia - non dovrei esporre le mie analisi e le mie osservazioni in forma pacata e riflessiva in un volume".
"Non ho - prosegue - né la competenza né l'intenzione di influire sul processo. Però questa storia incide nelle coscienze di tutti e perciò è giusto che chi pensa di avere qualcosa da dire lo faccia liberamente".
"E' strano - conclude Lupo - che questa polemica divampi in questa forma prima ancora che il libro arrivi in libreria. E infatti nessuno fa osservazioni di merito sul suo contenuto".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X