Mercoledì, 26 Settembre 2018

La camicia bianca, un «passepartout» per tutte le stagioni

PALERMO. La camicia bianca, passpartout per tutte le occasioni, è un capo d'abbigliamento indispensabile nel guardaroba di tutte le donne. Utilizzata nelle quattro stagioni, proposta nelle passerelle da tutti i brand, è un capo che non lascia indifferenti soprattutto per la sua versatilità e che sicuramente non passerà mai di moda.
La sua prima apparizione pubblica risale al 1973 con il dipinto di Madame Vigée-Lebrun che ritrae la regina Maria Antonietta con un muslin dress bianco e, da generazioni, è considerata sinonimo di classe che piace e mette d'accordo tutti, dalla mamma alla nonna.
«La camicia bianca è un termine d'uso universale. Che ognuno, però, pronuncia come vuole», dichiarava Gianfranco Ferrè, indiscusso re della camicia bianca che è diventata, nel tempo, la bandiera del suo stile, proposta in modelli seducenti con colletti e polsini sfarzosi.
Proprio per aver fatto della camicia bianca un segno distintivo del suo stile, è stata organizzata a Prato, dalla Fondazione Museo del Tessuto di Prato e dalla Fondazione Gianfranco Ferrè, la mostra dedicata all'architetto della moda «La camicia bianca secondo me. Gianfranco Ferrè». Un allestimento per non dimenticare la creatività dello stilista scomparso nel 2007 con un'esposizione di ventisette camicie bianche disegnate durante la carriera dal designer italiano e diventate vere opera d'arte.
La camicia bianca, essenziale nella sua semplicità, è un capo simbolo di eleganza e sobrietà che si può interpretare e reinventare in base alle occasioni e allo stile.
Maxi bijoux, preziose spille o accessori essenziali, la completano. Tessuti impalpabili come la seta la rendono sensuale, il cotone formale e bon-ton, il lino adatto a cene estive con gli amici. Molteplici i modelli tra i quali scegliere: basic, più lunga dietro e corta davanti, con o senza bottoni sul colletto, con i volant o a maniche corte. Negli ultimi anni, si è imposta la camicia bianca over, che sembra rubata dal guardaroba maschile, portata con disinvoltura, un poco dentro e un po' fuori dal jeans.
Una tendenza che non è una vera tendenza, proprio perché non ci sono regole da seguire ed è un capo indispensabile e aperto a tutte le interpretazioni, pronto ad essere accostato ad uno stile personale e personalizzato seguendo il proprio modo di essere.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X