Giovedì, 15 Novembre 2018

Creme, profumi ed emulsioni Un «mix» per il corpo e per lo spirito

Secondo i sondaggi gli articoli «multiuso» sono già tra i preferiti sul mercato femminile e nel 2014 diventeranno ancora più forti, sbarcando nei negozi con molte novità

PALERMO. Creme che truccano, profumi che colorano i capelli ed emulsioni che idratano e proteggono dal sole. Quello appena iniziato, sarà un anno all'insegna della «mixologia» in ambito beauty, con prodotti cosmetici che faranno sempre più cose insieme. A sancirlo è una ricerca sui nuovi trend di bellezza condotta da Mintel, società inglese specializzata in ricerche di mercato a livello mondiale. «Mixare sarà la parola chiave che rivitalizzerà il mercato dei cosmetici - ha dichiarato Jane Henderson, global president Mintel -. I prodotti multiuso sono già i preferiti dalle donne di tutto il mondo e nel 2014 riceveranno un'ulteriore spinta, sbarcando nelle profumerie con tante novità».
Nel campo delle creme, ad esempio, dopo il successo ottenuto dalle BB, CC e DD creams sono in arrivo le EE cream, di cui non è ancora chiaro il significato. Per alcuni produttori saranno creme idratanti e opacizzanti, per altri saranno idratanti da notte che, allo stesso tempo, rigenerano la pelle. Nuovi arrivi anche nel mondo dei profumi. Ci saranno, ad esempio, quelli adatti anche agli abiti che lasciano una scia più intensa rispetto a quando vengono spruzzati sulla pelle.
«In un mondo che corre - spiega il dottor Alfredo Caruso, specialista in Dermatologia e malattie veneree che opera a Palermo in via Villa Sperlinga -, una crema che trucca, idrata e che abbia degli ipotetici effetti anti età è sicuramente pratica e probabilmente economicamente conveniente».
Ma l'utilizzo di questi prodotti multifunzione non è adatto a tutti. «Non sempre la praticità e la convenienza si adattano alle pelli delicate, stressate dagli agenti atmosferici, dall'inquinamento o dalla concomitanza di patologie dermatologiche», sottolinea il dottor Caruso. È bene quindi saper scegliere il giusto prodotto in relazione alla propria tipologia di pelle. «In linea di massima gli standard di sicurezza europei e la ricerca che sono alla base della produzione di un cosmetico, infondono una certa tranquillità d'uso nelle persone dermatologicamente sane - precisa il dottore -. Un prodotto cosmetico che compia più funzioni potrà sicuramente andar bene su una pelle giovane e sana, ma forse non lo sarà altrettanto su una pelle matura e sensibile. Sconsiglierei dunque l'uso di questi cosmetici a pazienti allergici e con patologie».
Le novità riguardano, inoltre, anche i prodotti per capelli. Arrivano, ad esempio, i nuovi trucchi-gessetti, le colorazioni temporanee che idratano e proteggono dai raggi solari e i profumi idratanti che contengono anche antiossidanti, filtri solari e pigmenti colorati che danno riflessi. «I prodotti per capelli arricchiti da profumazioni sono da evitare nei pazienti con anamnesi positiva per foto dermatiti (sempre più frequenti negli ultimi anni)», sottolinea il dottor Caruso, sconsigliandone «l'utilizzo nel periodo solare».
Un'attenzione particolare va rivolta, infine, ai prodotti per le unghie. Il Department of Toxic Substance Control della California ha rilevato, infatti, la presenza di alcune sostanze tossiche per la salute in molti di questi cosmetici. «La nail art spinge le appassionate a reperire prodotti via internet da aziende estere le cui produzioni non sono conformi agli standard europei con grave rischio per la salute - spiega il dottor Caruso -. L'uso sempre più frequente di smalti per unghie permanenti o semipermanenti è spesso causa di onicodistrofie anche severe e difficili da curare. È quindi opportuno alzare il livello di allarme contro queste manicure al... veleno».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X