Martedì, 20 Novembre 2018

Renzi-Letta, ancora nessun accordo Il segretario Pd: "Parlerò domani"

Sicilia, Politica

ROMA. È terminato dopo circa un'ora l'incontro tra il premier Enrico Letta e il segretario del Pd, Matteo Renzi, a Palazzo Chigi. Dopo l'incontro - si apprende da fonti di Palazzo Chigi - ognuno è rimasto sulle proprie posizioni. Dopo il faccia a faccia, Matteo Renzi ha riunito nella sede del Pd i fedelissimi: il portavoce della segreteria Lorenzo Guerini, il responsabile organizzazione Luca Lotti, il responsabile Enti locali Stefano Bonaccini, il responsabile riforme Maria Elena Boschi, quella per il lavoro Marianna Madia e il ministro Graziano Delrio. Il leader del Pd, poi, ha assicurato che domani nel corso della direzione PD comunicherà la sua posizione. Anticipata a domani l'importante appuntamento della direzione del partito.
Dopo che ieri si è rinforzata l'ipotesi di una staffetta tra i due, sono in tanti fra i dem e in altre compagini a chiedere che si apra una nuova fase, con il sindaco a Palazzo Chigi. Ma il premier ha rilanciato e punta a proseguire con una nuova squadra e un nuovo programma che, dice, riuscirà a convincere i partiti che lo sostengono.


Il capo dello Stato da Lisbona è stato chiaro: serve stabilità e sull'esecutivo sta al Pd decidere. Berlusconi è alla finestra: attende Renzi, ok riforme ma stop con i giochi di Palazzo.


Il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, è disponibile a restare in un eventuale nuovo esecutivo. "Vediamo cosa succede, mi pare di aver già dato in passato la mia disponibilità, ma qualcuno me lo deve chiedere", ha risposto a una domanda sul suo futuro nella squadra di Governo.


 Il segretario della Lega, Matteo Salvini, assicura che la Lega vuole "chiedere a Renzi cosa vuole fare. Non diciamo no a priori. Ma se saranno solo chiacchiere - aggiunge - faremo la guerra parlamentare. Renzi - prosegue - ci dica se vuole esentare dalle tasse gli alluvionati, cancellare la riforma Fornero e ridiscutere dell'euro e dell'Europa. Se ci stupisce con risposte concrete noi non siamo pagati per dire no a priori. Non credo - dice ancora il segretario della Lega - che le elezioni politiche siano a breve ma a livello nazionale noi siamo soli, liberi e forti"Salvini ribadisce poi che alle Europee la Lega "andrà da sola dato che si tratta - ricorda - di un sistema proporzionale" mentre in futuro "valuteremo se vale la pena fare un percorso insieme con il resto del centrodestra".

Brunetta: "Stiamo tornado alla prima Repubblica, fuori dai contenuti, fuori dai programmi, fuori dagli interessi del Paese". Così Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervistato da Radio Capital. "Se Renzi andasse a fare il presidente del Consiglio sarebbe il terzo presidente del Consiglio che non è passato per un voto popolare, Monti, Letta, adesso forse Renzi. Monti un professore, un tecnico, poi Letta, con il Pd che ha perso o non ha vinto le elezioni e con le larghe intese, e adesso Renzi, che ha vinto le elezioni a Firenze e dintorni. Dove andremo a finire?", conclude Brunetta.


© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X