Mercoledì, 14 Novembre 2018

Manager della sanità in Sicilia Giochi fatti a Palermo: i nomi

Tre dei quattro posti di vertice nella sanità pubblica dovrebbero andare ad Antonio Candela, Giacomo Sampieri e Renato Li Donni
Sicilia, Politica

PALERMO. I giochi sembrano fatti solo a Palermo, dove almeno tre dei quattro posti di vertice nella sanità pubblica dovrebbero andare ad Antonio Candela, Giacomo Sampieri e Renato Li Donni. Per tutte le altre direzioni di Asp e ospedali, 17 in tutto, è ormai questione di giorni anche se probabilmente Crocetta rinvierà le nomine a dopo il varo della riforma delle Province e in prossimità del rimpasto in giunta per tenere aperto un fronte di trattativa con i partiti spendibile anche su altri terreni.
A parte i tre palermitani, che dovrebbero restare nelle sedi in cui sono già (Asp, Villa Sofia e Policlinico), sono in forte ascesa le quotazioni di Giovanni Migliore, ginecologo palermitano a cui Crocetta ha già temporaneamente affidato la guida dell’Asp di Messina dopo il siluramento dell’ultimo commissario. Per le postazioni di Catania sono in ascesa le quotazioni di Francesco Basile, già preside della facoltà di Medicina che potrebbe avere la guida del Policlinico, e di Ferdinando di Vincenzo.
UN SERVIZIO SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X