Domenica, 18 Novembre 2018

Quando il riciclo è arredamento

PALERMO. Il riciclo creativo di oggetti inutilizzati consente di risparmiare notevolmente sull’arredamento domestico, dando fondo e sfogo alla propria fantasia. Basta tirare fuori da cassetti, ripostigli o cantine i tanti oggetti accantonati, anche i più improbabili - avanzi di stoffa, bottoni, bicchieri di plastica, rotoli di carta, vecchi giornali e riviste - riutilizzandoli per dar vita a pezzi d’arredamento tra i più originali.

Un’idea accattivante potrebbe essere il lampadario realizzato con bicchieri di plastica, perfettamente compatibile con un design moderno: per realizzarlo basta incollare i bicchieri fino a ottenere una sfera, facendo passare all’interno del rudimentale manufatto un filo elettrico e un portalampada, senza dimenticare di prestare attenzione al surriscaldamento dei bicchieri. Anche i pallet si prestano a varie forme di riciclo, una volta scartavetrati e dipinti a colori: sono ideali ad esempio per la costruzione di mensole, tavolini, scrivanie, testiere per il letto o basi per divani.
Persino le cassette della frutta possono riacquistare una loro utilità, anche solo con una metamorfosi in graziose scarpiere. Per chi invece sognasse un’originalissima carta da parati, un’ottima soluzione potrebbe rivelarsi la carta dei giornali, accuratamente selezionata tra quella di quotidiani e riviste.

Qualunque idea di riciclo va comunque ponderata sulla base del contesto in cui si pensa di realizzarla: il riutilizzo degli pneumatici, ad esempio, ha una sua logica e una sua diffusione negli open - space cittadini o tutt’al più nei loft: con due vecchi copertoni rivestiti di stoffe e cuscini si può dar vita ad originalissimi pouf. S.CO.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X