Venerdì, 21 Settembre 2018

San Cataldo, gestione parcheggi «strisce blu» Scatta la protesta dei lavoratori

Il segretario della Fisascat-Cisl, Angelo Gallo si schiera al fianco degli ex dipendenti della «Sis»

SAN CATALDO. Nel corso dell'ultimo consiglio comunale è stata bocciata la proposta di proroga avanzata dal commissario straordinario, Licia Donatella Messina, per la Sis di Perugia che gestisce le strisce blu. I parcheggi a pagamento secondo la proposta del commissario, dovevano essere gestiti fino al 22 febbraio, in attesa che si emanasse un nuovo bando. Proposta bocciata all'unanimità dal consiglio, che ha deciso di "rispolverare" il vecchio disco orario, lasciando effettuare i controlli sulle auto in sosta, agli agenti della polizia municipale. Questa decisione ha creato non pochi problemi ad alcuni ausiliari del traffico in forza alla Sis, i quali adesso si trovano in cassa integrazione, senza opportunità di lavoro per l'immediato futuro. Quattro di loro si sono rivolti alla Fisacat-Cisl, il cui coordinatore provinciale è Angelo Gallo, per essere tutelati e reintegrati al lavoro. Un problema di pura sopravvivenza, se si considera che alcuni di questi lavoratori fino a qualche giorno fa con lo stipendio, mantenevano le loro famiglie. «Non è normale che in un periodo di profonda crisi sociale, come quello che stiamo attraversando, buttare per "strada", dei padri di famiglia che non avevano altro che il loro lavoro - dice Angelo Gallo -. Alla mia segreteria, nei giorni scorsi, si sono presentati quattro ex operatori della "Sis", due con contratto part-time a tempo determinato e gli altri due con un contratto full-time a tempo indeterminato. Tutti e quattro sono disperati, in quanto, pur usufruendo in questi mesi degli ammortizzatori sociali, non hanno alcuna certezza per il futuro. Il consiglio comunale ha bocciato la proposta di proroga del commissario straordinario Messina, senza tener conto delle conseguenze negative che si sarebbero abbattute sugli ausiliari del transito. In questi giorni mi metterò in contatto con gli uffici comunali, per capire quali sono le prospettive per questi lavoratori e se avranno delle agevolazioni quando verrà emanato il nuovo bando per la gestione dei parcheggi a pagamento. Il problema poteva essere evitato, incaricando gli ex operatori della "Sis" di effettuare i controlli sui dischi orari che verranno messi sui parabrezza delle auto in sosta, in attesa della nuova gara d'appalto. Invece la polizia municipale, già oberata di lavoro, dovrà occuparsi anche dei posteggi in centro storico e sanzionare i più indisciplinati. Trovo questa soluzione poco pratica e mal concepita. Si dovevano consultare le parti ed anche le sigle sindacali. Non vorrei che, visto l'approssimarsi delle elezioni amministrative, il nuovo bando per la gestione dei parcheggi diventasse uno strumento, per raccogliere voti, con le solite promesse di posti di lavoro. Noi ci batteremo per ottenere giustizia per gli ausiliari del traffico, affinché non perdano i loro diritti e vengano riavviati al lavoro«.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X