Mercoledì, 26 Settembre 2018

Ultima cena, interventi per il restauro

Sicilia, Archivio

CALTANISSETTA. Saranno trasferite nel nuovo museo dell'ex Gil le statue dell'Ultima Cena la Vara dei Biangardi al centro di un restauro iniziato e subito sospeso. La Soprintendenza ha dato il via libera al trasferimento dei tredici personaggi dei quali si compone il mastodontico gruppo statuario, mentre nei locali della parrocchia San Pio X rimarranno baiardo e carrello. Il restauro dovrebbe ripartire, a meno di ulteriori imprevisti, la prossima settimana e sarà curato da Elena Vetere.
«Abbiamo disponibili cinquemila euro - ha sostenuto Eugenio Di Francesco, responsabile del piano finanziario dell'intera operazione - ma riteniamo di poter racimolare altri diecimila euro per coprire l'intero costo dell'opera.
La scelta del nuovo museo non è stata casuale. La restauratrice potrà lavorare in un ambiente protetto, anche il sindaco in verità aveva messo a disposizione locali delle biblioteca Scarabelli ma alla fine abbiamo optato per la prima soluzione».
Il trasferimento delle statue, smontate a giugno, con l'utilizzo di un camion chiuso. «In una seconda fase - ha detto Di Francesco - al museo trasferiremo anche baiardo e carrello, la Vara insomma dovrà essere pronta per uscire regolarmente in processione». Di Francesco ha confermato che un'azienda nissena è pronta a finanziare parzialmente il restauro dell'Ultima Cena (proprietari i panificatori) con tremila euro e altri soldi potrebbero arrivare da un istituto di credito. Il corposo, originario progetto di restauro (53mila euro) è stato definitivamente accantonato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X