Domenica, 23 Settembre 2018

Finanziaria, 20 milioni alle Province Tiene l’accordo Crocetta-opposizioni

Sicilia, Politica

PALERMO. Supera il primo banco di prova l'accordo tra il governatore Rosario Crocetta e le opposizioni. L'Ars infatti ha approvato l'emendamento di riscrittura del governo dell'articolo 7 della legge di stabilità che assegna 20 milioni alle Province, 10 mln come contributo di parte corrente e 10 mln in conto capitale.
Si tratta di una delle misure concordare ieri da Crocetta nel vertice informale con le minoranza nella stanza di Nello Musumeci. I fondi, con decreto dell'assessore per le Autonomie, saranno destinati in modo prioritario per le spese dei servizi socio-assistenziali in favore dei disabili, per garantire il diritto allo studio, per il funzionamento dei consorzi universitari e il pagamento degli emolumenti del personale. I contributi in conto capitale sono destinati al pagamento delle quote capitale delle rate di ammortamento dei mutui degli enti per finanziare gli investimenti.
Per salvaguardare gli equilibri finanziari delle Province, inoltre, la Regione attiverà nuove misure con la manovra di assestamento per il 2014.


ACCORDO TROVATO SUI FORESTALI, PDS-MPA: "ORA PIU' CHIAREZZA" - «Plauso per la riscrittura da parte del  governo regionale degli emendamenti sui Forestali. Finalmente vi  è maggiore chiarezza su un tema abbastanza spinoso». A dirlo sono  i deputati del gruppo Pds-Mpa all'Ars, in merito alla Finanziaria  in discussione a Sala d'Ercole.  «Abbiamo raggiunto - aggiungono - un importante risultato che ha  permesso di valorizzare la figura dei Forestali, adesso utilizzati  a chilometro zero. Una manovra che in questo modo consente un  ingente risparmio per le casse regionali. Ci riteniamo soddisfatti  anche per l'abrogazione della norma del tour over. È il frutto  della collaborazione tra il presidente Crocetta e il gruppo  Pds-Mpa».




OK A MUTUO DA 90 MILIONI. La Regione potrà accendere un mutuo di 90 milioni di euro per finanziare parte delle spese d'investimento di comuni e Province. La norma, approvata dall'Ars, è contenuta nella legge di stabilità, in discussion in aula. Inizialmente il governo aveva previsto 60 mln di euro, somma aumentata a 90 mln con la riscrittura della norma.


BAGARRE IN AULA PER LA SANITA' - Bagarre in aula dopo la bocciatura, per un solo voto, di un emendamento trasversale che prevedeva la soppressione della norma della finanziaria che cancella 58 posti tra coordinatori sanitari e amministrativi.
Subito dopo la votazione, che dunque mantiene al momento l'articolo di legge, il presidente dell'Ars, Giovanni Ardizzone, ha sospeso la seduta per qualche minuto e ha convocato la
conferenza dei capigruppo con l'obiettivo di accelerare i lavori parlamentari.


TAGLIATI 100 MILIONI PER LA SPESA DEI FARMACI E SERVIZI - Tagliati 100milioni di euro alla spesa per i beni e servizi: 70 mln in meno al settore
farmaceutico e 30 recuperati da altri comparti. Le risorse comunque rimarranno all'interno del fondo sanitario e saranno destinati all'assistenza socio-sanitaria. La norma, contenuta nella legge di stabilità, è stata approvata dall'Ars.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X