Mercoledì, 19 Settembre 2018

Termini Imerese, tornano a protestare gli operai Fiat

PALERMO. A due anni dalla chiusura dello stabilimento Fiat riparte domani con un presidio permanente la lotta degli operai di Termini Imerese. Due gazebo sono stati montati davanti alla fabbrica; domani le tute blu torneranno a riunirsi davanti ai cancelli. Fim, Fiom e Uilm hanno indetto alle 11 un'assemblea con gli operai del gruppo e delle aziende dell'indotto.


Per altri 6 mesi circa mille lavoratori usufruiranno degli ammortizzatori sociali in deroga. Dopo quella data, se non partiranno i progetti per il rilancio del polo industriale termitano, l'alternativa saranno i licenziamenti di massa, come già avvenuto dallo scorso 1 gennaio per i 174 addetti di Lear e Clerprem, le due ditte dell'indotto che per Fiat producevano sedili e imbottiture. Governo e parti sociali hanno tempo fino al 30 giugno per trovare una soluzione industriale. 


«Non escludiamo nulla - dice il segretario provinciale della Fiom di Palermo Roberto Mastrosimone - quest'assemblea servirà per decidere quali iniziative intraprendere. Occorre riaccendere i riflettori su questa vertenza, non si può lasciare morire un intero territorio: lo stabilimento è un bene collettivo, la politica non può restare a guardare mentre la Fiat, di cui
ancora siamo dipendenti, chiude accordi negli States, lasciando solo macerie in Sicilia dopo quarant'anni di attività». 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X