Case abusive, emendamento M5s blocca norma

PALERMO. Un emendamento del Movimento 5 Stelle, a firma di Giampiero Trizzino, ha portato al ritiro della norma da parte del governo, dopo un breve dibattito tra commissari e componenti della giunta, "che rischiava di sanare numerosi edifici abusivi in Sicilia, anche in zone protette e
perfino in riva la mare".

"E' un ottimo risultato a difesa del paesaggio siciliano, che blocca una possibile speculazione edilizia", commenta Trizzino. "Nonostante la sua nobile finalità - sostiene il deputato - la norma non prevedeva alcuna limitazione per quegli immobili realizzati in zone sulle quali insiste un vincolo paesaggistico o di inedificabilità assoluta, quali terreni a 150 metri dalla  osta, zone limitrofe ai boschi, siti di interesse comunitario e così via".

La norma cassata dalla finanziaria prevedeva che le case costruite abusivamente venissero concesse ai Comuni per destinarli ad alloggi popolari dopo essere state acquisite al patrimonio pubblico.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati