Termini Imerese, via libera a impianto biomasse

PALERMO. La Corte costituzionale e adesso il Tar Sicilia (seconda sezione presieduta da Filippo Giamportone, Carlo Modica de Mohac estensore e Maria Barbara Cavallo referendario) che ha recepito le conclusioni della Consulta, hanno dato il via libera alla costruzione dell'impianto di produzione elettrica con biomasse della ditta Alin spa di Termini Imerese.
Ci sono voluti tre anni e diversi ricorsi per avere il via libera che ha di fatto annullato anche parte del piano energetico siciliano varato dal governo regionale.   
I giudici amministrativi hanno accolto il ricorso della società difesa dagli avvocati Roberto e Francesco Surdi. Il ricorso presentato contro la Regione siciliana, assessorato all'Energia e servizi, chiedeva l'annullamento del provvedimento del 28 giugno 2011 nella parte in cui subordina la realizzazione dell'impianto «all'utilizzazione di biomasse provenienti per almeno il 50 del fabbisogno da aree dislocate in un raggio non superiore a 70 chilometri dall'impianto».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati