Maltempo, interrotti collegamenti ferroviari tra Italia e Svizzera

ROMA. I collegamenti ferroviari tra l'Italia e il cantone vallese della Svizzera sono interrotti dalle 2,30 della notte a causa di una forte nevicata. Il traffico è sospeso nel tratto compreso tra Domodossola e il valico di Iselle per la caduta di alberi sulla sede ferroviaria fa le stazioni di Varzo e Preglia. Nel tentativo di liberare la linea sono al lavoro uomini delle ferrovie svizzere e di Rete ferroviaria italiana. Un treno a lunga percorrenza tra Italia e Svizzera è fermo da alcune ore nello scalo di Domodossola


PIOGGIA E NEVE IN PIEMONTE, PERICOLO VALANGHE. Natale con pioggia e neve in Piemonte. Come previsto, la perturbazione atlantica che sta causando disagi nel Nord Europa ha portato forti precipitazioni sopratutto su Verbano e Biellese, zone per le quali è stato emesso un avviso di criticità. In montagna le nevicate (già 50 centimetri a Bardonecchia) sono accompagnate da venti forti che, con le schiarite previste per Santo Stefano, determinano un forte pericolo valanghe.


FRANE NEL LECCHESE E NEL COMASCO, DUE FERITI. Frane e smottamenti in molte zone del nord Lombardia dove piove ininterrottamente da ieri. L'ultima questa mattina alle ore 6, a Premana nel lecchese, dove sono al lavoro i Vigili del fuoco di Lecco. Ancora non si conoscono i danni. L'episodio più grave ieri in tarda serata a Bellagio nel comasco, dove due persone sono rimaste ferite e intrappolate nella loro auto da una caduta di massi sulla strada statale provinciale 583. Li hanno tirati fuori i Vigili del fuoco di Como; per loro un grande spavento ma solo qualche contusione. Altri interventi a Porlezza, sempre nel comasco, dove stamattina si è staccato un pezzo di roccia che ha invaso la strada provinciale 11. Ad Appiano Gentile interventi per alberi caduti, a Valbrona si è spaccato per la pioggia il muro di un oratorio. I vigili del fuoco di Milano hanno trascorso la notte a Pogliano milanese per il rischio di esondazione del fiume Olona. La situazione al momento è sotto controllo.


NEL NAPOLETANO NUMEROSE CHIAMATE A VIGILI DEL FUOCO. Decine di chiamate sono giunte, sin dalle prime ore della giornata, al centralino del comando provinciale dei vigili del fuoco di Napoli. A causa del forte vento sono diverse le segnalazioni di alberi sradicati e di cartelloni pubblicitari divelti. Richieste anche per la rimozioni di intonaci pericolanti. Dalla notte scorsa pioggia e vento stanno flagellando l'intera provincia di Napoli. I disagi maggiori si registrano lungo la fascia costiera.


NEVE IN ALTO ADIGE FINO A 900 METRI, PASSI CHIUSI. In Trentino Alto Adige nevica tra 1.300 e 900 m. Il fondo stradale è parzialmente innevato. Nevica anche tra Vipiteno ed il Brennero, le corsie dell' A22 sono bagnate, comunica la Centrale viabilità di Bolzano. A causa delle forti nevicate, aumenta anche il pericolo valanghe.  Per motivi di sicurezza sono stati chiusi i passi Giovo, Pennes, Gardena, Sella, Pordoi, Falzarego, Valparola e Fedaia. Chiusura invernale, invece, per i passi Stelvio, Rombo e Stalle. Chiusi per motivi di sicurezza anche la statale del passo Rombo, dall'incrocio per Corvara in Passiria fino a Belprat, e la statale del passo Monte Croce Comelico, da Sesto in poi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati