Cina, paura per un vaccino anti epatite B: sette bambini morti

PECHINO. Almeno sette bambini sono morti in Cina dopo aver ricevuto un vaccino contro l'epatite B. Lo riportano i media locali sollecitando una ferma risposta delle autorità mentre l'agenzia del farmaco cinese ha sospeso l'uso del preparato, prodotto da un'azienda locale. Oltre 44 milioni di dosi di questo vaccino sono in magazzino o sono già stati venduti in 27 province e regioni, riporta il giornale Pechino Chenbao mentre secondo altri media cinesi, ci sarebbe anche un altro decesso di un bimbo al quale è stato inoculato un vaccino prodotto da un'altra ditta. Quella contro l'epatite B è una delle dieci vaccinazioni  gratuite e obbligatorie e viene somministrata in più dosi, la prima delle quali a 24 ore della nascita. Il caso riaccende la polemica sulla lunga lista di scandali nelle industrie alimentari e farmaceutiche del paese, alimentato anche da lassismo e corruzione delle autorità di vigilanza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati