Ardizzone: no a trucchi per salvare gli stipendi

Il presidente dell’Ars: «Proporrò all’Assemblea di ridurre il tetto della diaria». Un caso sull’obbligo di giacca e cravatta a Palazzo dei Normanni

PALERMO. «Non applicheremo il modello Calabria»: Giovanni Ardizzone, presidente dell’Ars, ammette che in Parlamento è forte il pressing di chi vuole una altissima quota esentasse nella nuova busta paga da 11.100 euro. In Calabria hanno scelto di considerare diaria (esentasse) 6 mila euro mentre lo stipendio (tassato) si fermerebbe a 5.100. Così il netto arriverebbe a circa 8.500 euro. Sarà il consiglio di presidenza a decidere entro il primo gennaio. Ma Ardizzone spegne gli entusiasmi: «Escludo trucchetti. Sono orientato a proporre una divisione fra diaria e stipendio che si ponga sulla media di quanto fatto fra le altre Regioni. Il minimo è stato 4 mila euro di diaria, il massimo 6 mila. Proporrò che l’Ars si avvicini il più possibile a 4 mila».
SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA LA VERSIONE INTEGRALE DELL’ARTICOLO

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati