Caltanissetta, voleva soldi per fidanzarsi con lui: Squillo è chiamata alla sbarra

CALTANISSETTA. Ottomila euro, uno sull'altro, in cambio di una promessa di fidanzamento. E, forse, di un futuro matrimonio. Pretesi da una "lucciola" perché lui, un bonaccione, potesse coronare il suo sogno: fidanzarsi con lei e poi... chissà. Che quella storia puzzasse di bruciato, in apparenza non sarebbe stato complicato intuirlo. Ma lui, un po' perché infatuato, un po' perché un pizzico sprovveduto, non lo ha inteso proprio. Almeno per diverso tempo. Fino a quando - ma è trascorso un bel pezzo - non s'è presentato ai carabinieri per sporgere denuncia contro di lei.  Risultato: la "squillo" è finita in giudizio per rispondere di circonvenzione d'incapace e lui, il trentottenne M.L., è nel ruolo di parte lesa.


IL SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI CALTANISSETTA DEL GIORNALE DI SICILIA DI OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati