Ddl sblocca cantieri, Cimino: la Regione recepisca ol testo uinico sull’edilizia

PALERMO. "E’ necessario che la Regione siciliana proceda al recepimento integrale del Testo unico sull’edilizia, al fine di armonizzare la disciplina vigente nel territorio siciliano in materia edilizia con quella statale, con positive ricadute di certezza e celerità nel procedimento di rilascio dei titoli abitativi”. A dirlo è Michele Cimino (Voce siciliana all’ARS). “Il comparto edile, che in Sicilia soffre piu’ di altri la grave crisi economico-finanziaria, è costretto a barcamenarsi tra le varie norme ed é per questo che è indispensabile che la Regione siciliana recepisca in modo integrale le disposizioni contenute nel Testo unico sull’edilizia, approvato con D.P.R n.380 del 2001 – aggiunge -. Vanno eliminate le sovrapposizioni legislative, al fine di evitare le difficoltà che i cittadini da una parte e tutti gli operatori del settore incontrano. Lo stesso DDL, tra l’altro, prevede che la Regione definisca un Regolamento edilizio che consenta uniformità di indirizzo nella attività edilizia sul territorio regionale, che deve essere orientata ai principi della sostenibilità ambientale ed energetica, e che rappresenti un orientamento univoco per i Comuni dell’Isola. Una normativa siciliana difforme da quella nazionale non solo crea situazioni di svantaggio per investitori stranieri ma blocca altresì tutti quegli interventi di trasformazione urbana che oggi risultano di difficilissima realizzazione”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati