Catania, sciopero di 8 ore dei lavoratori Stm Cisl: via al tavolo permanente

CATANIA. «Finalmente un tavolo permanente  trilaterale per la microelettronica catanese. È il risultato  raggiunto dalla pervicace azione della Cisl e della Fim». Lo  afferma il segretario della Cisl etnea Rosaria Rotolo,  annunciando «la costituzione di un tavolo di crisi permanente e  trilaterale per la microelettronica catanese costituito cioè da  sindacato-impresa-istituzioni».     Oggi sulla vertenza in corso, e in particolare sull'annuncio  del governo di volere privatizzare la società, a Catania si è  tenuto uno sciopero di 8 ore, con un corteo che ha attraversato  il centro della città.     «Nell'incontro che abbiamo avuto col sindaco Bianco -  aggiunge Rosaria Rotolo - abbiamo chiesto impegni su due  questioni prioritarie: realizzazione di un fronte comune con le  istituzioni locali per evitare la dismissione delle azioni a  partecipazione statale della Stm e su Micron poi per difendere  gli attuali livelli occupazionali». La sindacalista si dice  «cautamente soddisfatta per avere ricevuto risposte positive su  entrambi i versanti». «Adesso sarà necessario che tutti mettano  a disposizione il proprio impegno - sottolinea la segretaria  della Cisl di Catania - per realizzare davvero un fronte comune  per difendere il nostro territorio e rilanciare con progetti di  crescita realmente sostenibili e in grado di mantenere alte le  competitività aziendali locali per garantire sviluppo».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati