Sicilia, Politica

Legge di stabilità, ok della commissione Bilancio: ma manca il mandato del regolatore

ROMA. Si conclude con un quasi nulla di fatto l'esame della Commissione Bilancio del Senato sulla Legge di Stabilità: il testo viene approvato alle 2,30 di notte ma senza il mandato al relatore. Il che vuol dire che teoricamente decadono tutte le modifiche approvate. Ma il Governo punta a recuperarle in un maxiemendamento, su cui porrà la fiducia. Sarà comunque stamattina la conferenza dei capigruppo fissata alle 9 a Palazzo Madama a decidere la nuova tempistica, perchè la manovra è comunque attesa in aula dalle 9,30 (emendamenti alle 10) ed è già nota l'intenzione del Governo di porre la questione di fiducia. Ma il punto è ora su quale testo e con quali tempi: la questione di fiducia potrebbe esser posta sul testo originario del Governo o più probabilmente su un maxiemendamento nel quale lo stesso esecutivo recepirebbe (tutte o in parte) le proposte di modifica già approvate dalla Bilancio e anche quelle solo presentate, come ad esempio l'emendamento sulla tassazione della casa depositato ieri dai relatori e non esaminato (si è arrivati ad esaminare solo fino all'articolo 15, mentre il riordino delle tasse sulla casa è l'articolo 19). C'è poi il problema dei tempi: il Governo dovrà velocizzare per arrivare alla fiducia entro la serata di oggi e non sovrapporsi al voto sulla decadenza di Silvio Berlusconi, che si svolgerà domani. Molti in Senato puntano il dito proprio sull'ostruzionismo di Fi e Lega per allungare i tempi ed andare a ridosso del voto sulla decadenza per farlo slittare. Da Forza Italia però si difendono: «È il Governo che ha allungato i tempi, presentando l'emendamento sulla casa in ritardo». «Su quale testo si porrà la fiducia lo deciderà il Governo, tenendo conto del lavoro della Commissione - spiega il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giovanni Legnini -. È possibile che gli emendamenti approvati vengano utilizzati, salvo che non si scopra che sono scoperti. Mi auguro comunque che si possa tener conto della sintesi riassunta negli emendamenti dei relatori e del governo in questi giorni di faticoso lavoro». «Non è la prima volta che capita che non si dia il mandato al relatore - dice il presidente della Commissione Antonio Azzollini (Ncd) -. Era già successo nel '96, ma io stavo dall'altra parte».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati