Casa degli orrori a Gela, bimbi tra sporcizia ed escrementi

GELA. Nove persone, sei adulti e tre bambini in tenera età, quasi tutti disabili, sono stati trovati, dai carabinieri in una casa-letamaio, nel quartiere "Fondo Iozza" a Gela, in stato di degrado e di abbandono, in condizioni che il magistrato dei minori, Simona Filoni, ha definito "indescrivibili ed incompatibili con i requisiti minimi di dignità immaginabili per gli essere umani".

Si tratta di un pensionato di 67 anni, dei due figli disabili di 33 e di 30 anni, di una figlia di 40 anni, di un terzo figlio 38enne (l'unico che lavora) sposato, con moglie e tre bambini disabili (una femmina e due maschietti) rispettivamente di sei, quattro e due anni.

Nel rapporto sul sopralluogo degli inquirenti si legge che la casa, priva di dotazione idrica,  "si presentava fatiscente, pervaso da un odore nauseabondo, ricolmo di sporcizia , con panni sporchi ed immondizia accatastati in ogni dove, cicche di sigarette e cenere sparse per terra, muffa e ragnatele sui muri, servizi igienici sporchi, maleodoranti ed inagibili", con "notevoli tracce di escrementi essiccati sui pavimenti".

In una stanza "chiusa a chiave - si legge ancora nel comunicato della procura per i minori -  giaceva, riverso su un letto, su un materasso lercio, in stato di totale ipotonia, uno dei minori
del suddetto nucleo, in un ambiente  pervaso dal fumo, dai rifiuti, dallo sporco e da un odore nauseabondo". Una casa degli orrori che è stata segnalata ai servizi sociali del comune di Gela dai carabinieri, che hanno fatto dare una energica pulita ai locali e portato acqua e cibo a quelle persone in stato di abbandono.

Intanto, i bambini sono stati sottratti ai genitori e affidati a un centro di accoglienza per minori. L'ufficio di igiene dell'Asp di Caltanissetta ha dichiarato inagibili i locali, ma gli adulti continuano a vivervi in attesa di una diversa sistemazione. Le indagini sono scattate su segnalazione di un vicino di casa. Ora gli investigatori stanno ipotizzando a carico del capofamiglia i reati di violazione dell'obbligo di assistenza familiare e di maltrattamenti in famiglia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati