Mussomeli, lettera di un emigrato: "Gli stucchi del Serpotta di Santa Margherita lasciati fra i rifiuti"

Sicilia, Archivio

MUSSOMELI. Attraverso una missiva, un emigrato che trascorre parecchio tempo a Mussomeli, Antonio Sorce, lancia l'allarme sulla chiesa di Santa Margherita. A leggere la lettera si capisce come il suo cuore si faccia piccolo nel descrivere le condizioni della chiesa, e soprattutto degli stucchi del Serpotta che giorno dopo giorno vanno perdendosi.
«Sono un emigrato in pensione - scrive Antonio Sorce - che di tanto in tanto torna al suo paese natale, Mussomeli. Sono un amante delle cose antiche e belle. E tra queste alcune esistevano a Mussomeli, ma adesso non esistono più».


UN SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI CALTANISSETTA DEL GIORNALE DI SICILIA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati