Pds-Mpa: il governo intervenga sui servizi per i disabili mentali

PALERMO. “I patti scellerati e le catene di forza, imposte dall’Europa e a cascata dal Governo Nazionale sul Governo Regionale ancora una volta colpiscono i più deboli ed i particolare i cittadini con disagio mentale. A rischio è l’assistenza a circa 2000 disabili mentali siciliani e il posto di lavoro di 1600 operatori, già messi in difficoltà dal cronico ritardo con cui i comuni, saldano le rette alle comunità alloggio. Nel capitolo di bilancio 182/519 i fondi per il 2013 non mancano, sono circa 20 milioni di euro, ma a causa del Patto di stabilità non sono stati ancora erogati. Motivo per il quale, presenteremo un’interrogazione affinché l’assessore all’Economia ponga in essere tutti gli atti e le misure utili per l’erogazione delle somme in bilancio da parte del dipartimento regionale alla Famiglia e alle politiche sociali”.
A dirlo è sono in deputati del gruppo Pds-Mpa all’Ars Toti Lombardo, Giovanni Greco, Giovanni Lo Sciuto e Vincenzo Figuccia. Invitiamo il governo regionale – concludono gli autonomisti – a fare scelte decisive che pongano in essere una volta per tutte la costituzione del Fondo unico per i servizi socio-sanitari affinché si giunga ad un netto miglioramento del risparmio della spesa che si rifletta sul servizio erogato e che dia  segnali di solidarietà ai soggetti più deboli della nostra società”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati