Obesità infantile, via alla prevenzione in Sicilia

CATANIA. E' allarme obesità infantile in Sicilia. La Sicilia, infatti, contrariamente al passato, mostra dati sovrapponibili al resto del Paese e del Continente. In Europa sono 42 milioni i bambini in sovrappeso, un dato raddoppiato in soli cinque anni, dal 2005 al 2010. I Paesi mediterranei che fino agli anni '90 sembravano esenti si avviano verso un mondo di "obesi" già nel 2050. Una tendenza da arrestare subito ad iniziare dai bambini. Per fronteggiare questo allarme prima che diventi emergenza la Regione siciliana prepara l'attivazione di un rete di collaborazione per contrastare il fenomeno dell'obesità infantile. Gli esperti della sanità pubblica siciliana hanno affrontato il tema oggi a Catania nel corso del meeting "Educazione alimentare in età pediatrica", una giornata di studio intorno ad un fenomeno sempre più al centro dell'attenzione degli operatori sanitari per le sue importanti ricadute sulla salute e sulla società. L'incontro è stato voluto dal Servizio Promozione della Salute dell'Assessorato della Salute della Regione Siciliana.

"La prevenzione - ha detto il dirigente generale del Dipartimento attività sanitarie e Osservatorio Epidemiologico della Regione siciliana Ignazio Tozzo - è la vera scommessa della sanità del futuro. Investire in prevenzione significa vitare future patologie croniche ed elevare la qualità della vita della popolazione. Questo deve avvenire fin dalla culla. La Sicilia si sta muovendo in questa direzione sulla base delle linee guida dei piani di prevenzione nazionale ed europeo
mettendo in campo strategie di contrasto ai fattori di rischio".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati