Un italiano a Manhattan reinventa il David di Michelangelo