Manovra, discussione all'Ars rinviata a domani

PALERMO. Un emendamento che assegna un milione e mezzo per pagare gli stipendi dei 158 dipendenti dell'Associazione allevatori (Aras) rischiava di mandare sotto il governo, così l'assessore all'Economia, Luca Bianchi che si era opposto alla norma, ha chiesto e ottenuto lo stop dei lavori parlamentari e il rinvio della discussione della manovra di bilancio a domani, alle 16.   
Uno degli emendamenti è stato proposto dal presidente della commissione Bilancio Nino DIna (Udc), l'altro dal vice presidente Vincenzo Vinciullo (Pdl). Entrambi hanno avuto il sostegno di molti deputati dell'opposizione, compresi i Cinquestelle. Di fronte alla proposta di voto segreto e all'ipotesi che la norma passasse col parere contrario del governo facendo così saltare i saldi dellintera manovra (circa 71 mln), Bianchi ha accolto l'invito a chiedere la sospensione «per un approfondimento».   
In precedenza, l'Ars aveva votato gran parte della manovra, compreso un emendamento sul reddito minimo di inserimento per circa 2mila persone nelle province di Caltanissetta, Enna e in un'area del catanese (costo 500 mila euro). La norma sarà coperta con una quota di fondi destinati nella manovra dal governo per le associazioni dell'ex tabella H, la cui dotazione passa da 7,2 mln a 6,1 mln per effetto dell'emdamento sul reddito minimo e per la decisione dell'assessore Bianchi di ritirare l'emendamento governativo che prelevava 600 mila euro dalle borse di studio in medicina per stornarle all'ex tabella H.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati