Sicilia, Politica

Prorogati i contratti a 45 precari dell’assessorato al Territorio

Restano in attività anche sette contrattisti del Parco dei Nebrodi. Ma ora potrebbe arrivare l’«alt» del presidente dell’Ars

PALERMO. Spuntano, a sorpresa, le proroghe dei contratti per 45 precari dell’assessorato al Territorio e altri 7 in forza al Parco dei Nebrodi. Anche se su queste ultime norme, aggiunte dopo una lunga notte di trattativa in commissione Bilancio, potrebbe abbattersi la scure del presidente dell’Ars che dovrebbe dichiararle improponibili all’interno di una semplice manovrina di variazioni. Nell’attesa che arrivi una decisione, in vista del voto in aula previsto la prossima settimana, ecco un testo che spalma 71 milioni fra le categorie che più hanno sofferto dei tagli introdotti con la Finanziaria di maggio. Boccata d’ossigeno in primis per gli enti locali che si dividono un tesoretto da 39 milioni e 55 mila euro. Brindano soprattutto le Province che fino a martedì notte sembravano destinatarie di 12 milioni e che ora vedono arrivare i finanziamenti a 15 milioni e 55 mila euro che serviranno a garantire l’attività ordinaria fino a quando non entreranno in funzione i nuovi Consorzi di Comuni. Ai forestali vanno 21 milioni in più, che serviranno a garantire le tradizionali giornate lavorative. E gli enti di volontariato una volta finanziati con la Tabella H potranno dividersi 6 milioni e 639 mila euro: un budget che aumenta la cifra messa a bando a settembre. Il totale arriva così a circa 15 milioni. Per le borse di studio in medicina pronto un milione. E altri 700 mila euro serviranno a finanziare l’attività dei carabinieri impegnati nelle veste di ispettori del lavoro per la Regione.
Una pioggia di emendamenti ha garantito finanziamenti agli enti di ricerca in agricoltura (900 mila euro), all’Istituto per l’incremento ippico (350 mila), al Corfilac (100 mila). Strutture sempre in bilico fra progetti di chiusura e rilanci: con questi soldi - come rileva Giovanni Di Giacinto del Megafono - potranno pagare gli stipendi ai dipendenti. Lo stesso Di Giacinto sottolinea che «nei fondi globali vanno 500 mila euro che serviranno a finanziarie le leggi sull'editoria e la bonifica dall'amianto».
L’assessore all’Economia, Luca Bianchi, ha concesso modifiche ai vari stanziamenti ma ha tenuto duro sulla spesa totale che non supererà i 71 milioni e 444 mila euro. Dopo un lungo braccio di ferro in commissione Bilancio, sotto la guida di Nino Dina, la manovrina è passata con i voti del centrosinistra e anche dei grillini, che pure avevano presentato una mozione di sfiducia contro Crocetta. Ma per Giancarlo Cancelleri il voto riguarda «una norma tecnica che ha perfino accolto alcuni nostri emendamenti come quello che stanzia 500 mila euro per erogare contributi alle famiglie in cui vivono disabili per i lavori di abbattimento delle barriere architettoniche già svolti». Norma rivendicata anche dal Pdl con Marco Falcone: «Abbiamo permesso di aumentare i fondi alle Province evitandone la paralisi. Abbiamo svolto un’azione di pungolo». Salvo Pogliese (Pdl) critica la «scarsa attenzione verso il mondo dello sport a cui chiedevamo di destinare 2 milioni». Per Baldo Gucciardi del Pd «è stata garantita l’attività dei forestali». Critiche al governo da Roberto Di Mauro dell’Mpa. Gia. Pi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati