Sbloccati fondi per medici specializzandi Berretta: "Soddisfatti della scelta della Regione"

CATANIA. «Apprendiamo con sollievo e soddisfazione che la Regione ha finalmente sbloccato i fondi destinati alle borse di studio dei medici specializzandi siciliani, il cui percorso formativo era messo a serio rischio a causa della mancata copertura delle somme per un'attività fondamentale non solo per questi giovani ma anche per gli stessi reparti universitari in cui prestano servizio».
Lo afferma il sottosegretario alla Giustizia Giuseppe Berretta, che nelle scorse settimane si era rivolto all'assessore regionale alla Formazione Nelli Scilabra sollecitando un intervento. «L'impegno di spesa a favore degli specializzandi - aggiunge - garantirà la copertura piena dei fondi necessari al pagamento delle borse di studio. Si tratta di un atto ufficiale che può consentire agli Atenei di Palermo, Catania e Messina di anticipare, come già successo in passato, le somme da destinare al pagamento delle borse di studio per questi giovani medici che non ricevono l'assegno delle borse di studio da ben quattro mesi».
Dagli assessorati competenti l'impegno di spesa complessivo a favore dei borsisti è di sette milioni e trecento mila euro. Due milioni e mezzo di euro per Catania, un milione e ottocentomila euro per Messina e tre milioni per Palermo: fondi che copriranno gli assegni degli specializzandi di primo e quarto anno, gli ultimi ad essere rimasti senza stipendio.    «Adesso è fondamentale - conclude - che i rettori dei tre Atenei siciliani si attivino al più presto per sbloccare l'erogazione degli assegni per gli specializzandi in modo da garantire ai giovani medici la giusta retribuzione e la prosecuzione di un servizio fondamentale per l'attività dei reparti in cui lavorano».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati