Ospedale di Gela, porte scardinate e c’è chi urina nei lavandini

Sicilia, Archivio

GELA. Costretti a urinare nei lavandini e a spogliarsi in locali privi di porte e servizi obbligatori. Sono i dipendenti del corpo paramedico delle unità operative di Medicina, Pronto soccorso e Malattie infettive del presidio ospedaliero “Vittorio Emanuele”.
La stanza al terzo piano dell’ospedale di via Palazzi è priva di un servizio igienico, di una doccia e privacy.
Armadietti diversi tra loro, molti dei quali rotti, sono stati collocati anche all’ingresso dello spogliatoio per sopperire alla mancanza della porta divelta e appoggiata su una parete del corridoio.

UN SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI CALTANISSETTA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati