Iachini chiede ancora pazienza: «Diventeremo una squadra»

PALERMO. Trovato un certo equilibrio, bisogna cambiare i connotati all'azione offensiva del Palermo. Non semplicemente o non solamente l'attacco e i suoi interpreti, ma anche chi deve contribuire a creare le condizioni per far gol, gli elementi che devono garantire scorribande sulle fasce e cross dignitosi, ma anche i centrocampisti che devono essere più propositivi e propensi agli inserimenti. Puntare su volti nuovi, accantonati o fin qui del tutto dimenticati significa spolverare ragazzi che ancora devono dire la loro, Troianiello e Stevanovic, Sanseverino e Lores Varela. E Beppe Iachini, l'allenatore condannato a vincere la serie B, in questo senso non si tira indietro.
«Laterali più offensivi di quelli visti in queste settimane? Nella mia testa - assicura Iachini - ci sono anche queste riflessioni e valutazioni. È chiaro che sono situazioni che potremo mettere in pratica al posto di quelle attuali. Anche contro il Varese si poteva provare qualcosa del genere, ma c'è stato il cambio forzato per problemi fisici di Terzi e l'inserimento di Di Gennaro, così è stato difficile… Le ipotesi però ci sono. In settimana ho provato ragazzi come Lores Varela e Troianiello, Stevanovic purtroppo è fermo per un problema alla caviglia e sta lavorando in piscina…».
IL SERVIZIO NELL’EDIZIONE DI OGGI DEL GIORNALE DI SICILIA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati