Sicilia, Sport

Champions, contro il Real Madrid amaro ko della Juventus: i bianconeri si arrendono a Ronaldo

MADRID. Un'altra serata amara in Europa per la Juventus, battuta al "Santiago Bernabeu" da una doppietta di Cristiano Ronaldo. Amara e piena di rimpianti, perchè i bianconeri avrebbero meritato di strappare almeno un pari ad un Real dimesso, che ha ottenuto il massimo risultato con il minimo sforzo. La pendenza della strada bianconera in Champions diventa sempre più ardua, mentre le merengues sono ad un passo dagli
ottavi di finale. Ma non ancora abbastanza sicuri da permettersi di non fare punti a Torino, il 5 novembre.


La più grande amarezza per Conte - e motivo di grande polemica - è l'espulsione di Chiellini al 4' del secondo tempo, a conti fatti decisiva per un match in grande equilibrio.
L'arbitro tedesco Grafe non ha perdonato il gomito alto del difensore bianconero sul collo di Ronaldo, punendolo con una espulsione troppo severa. Con 40' ancora da giocare, la Juventus è rimasta in 10, e non ha potuto colpire un Real poco brillante. Ha avuto due belle occasioni negli ultimi minuti, ma Giovinco si è fermato in area sciupando una imbeccata di Bonucci e poco dopo Marchisio, spento per tutta la partita, non è riuscito ad agganciare un invitante passaggio in profondità di Pogba.


Un'occasione persa per i bianconeri. Lo choc per la clamorosa rimonta con poker di gol subita a Firenze era stato superato. Conte aveva ritoccato il modulo: 4-3-1-2, con Caceres -
eccellente il suo rientro - ed Ogbonna esterni nella difesa completata da Chiellini e Barzagli, Marchisio dietro la coppia d'attacco Tevez-Llorente. A centrocampo Pirlo in mezzo a Vidal e Pogba.


Ingeneroso per la Juventus lo svantaggio del primo tempo. I bianconeri hanno tenuto botta al Real, e alla fine la vera differenza l'ha fatta Ronaldo. Al primo affondo le merengues
sono passate: un passaggio di Di Maria filtra tra Barzagli, Chiellini ed Ogbonna e arriva a Ronaldo: dribbling su Buffon e dal fondo 'CR7' infila la porta. Un paio di minuti prima però Marchisio aveva spaventato il pubblico madridista con un gran destro, respinto da Casillas in angolo. Quello, purtroppo, è rimasto l'unico lampo di Marchisio.


La Juventus è riuscita a rimediare con Llorente, una rete propiziata da un cross tagliente di Cacares ed un imperioso stacco di testa di Pogba che Casillas ha respinto a fatica ma
proprio sul piedi dell'attaccante basco. Il fallo da rigore di Chiellini su Sergio Ramos - anche quest'episodio è stato contestato dalla Juventus - ha dato il vantaggio definitivo al Real. I bianconeri hanno reagito con personalità, spesso hanno imposto il loro gioco, ma senza frutti.


Juventus senza complessi anche quando è rimasta in 10, e Conte ha dovuto togliere una punta, Llorente, per riequilibrare la difesa con Bonucci. Il Real ha costruito solo un'altra
palla-gol, che Benzema ha divorato alzando maldestramente un invitante assist di Arbeloa quasi sulla linea di porta.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati