Ucciso da una trasfusione sbagliata In sette vengono rinviati a giudizio

CALTANISSETTA. In sette, tra medici, infermieri e tecnici di laboratorio, saranno processati per la morte di un paziente. Vittima di una trasfusione killer.
A gennaio saranno tutti chiamati a difendersi dall’ipotesi di omicidio colposo. Imputazione legata alla morte di un vigile del fuoco in pensione, il sessantenne di Caltanissetta Angelo Giulietti, stroncato nell’ottobre di quattro anni fa da una trasfusione di sangue sbagliata. Un errore fatale. All’ospedale «Immacolata Longo» di Mussomeli, dopo un intervento di tipo ortopedico, gli sarebbe stato iniettato sangue di un gruppo differente dal suo: «A» invece di «B». L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI 19 OTTOBRE.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati