Palermitano ruppe il naso ad una poliziotta, procura al riesame per il carcere

BOLOGNA. La Procura di Bologna ha  presentato appello al tribunale del Riesame chiedendo il carcere  per un attivista del laboratorio Crash, V.D.S., 25 anni:  originario di Palermo e residente nel capoluogo emiliano, è  accusato di aver rotto il naso con una cinghiata ad una  assistente capo della Polizia Scientifica durante i tafferugli  davanti all'Ikea di Casalecchio di Reno, il 18 dicembre 2012. La  poliziotta, 41 anni, era disarmata e stava riprendendo gli  scontri.  Il pm Antonello Gustapane aveva chiesto misure cautelari  anche per altri dei nove indagati per gli episodi di quella  giornata, ma per tutti il Gip Bruno Giangiacomo ha dato risposta  negativa. Ora è stato fatto appello solo per la posizione di  V.D.S. (difeso dall'avv. Paola Benfenati), ritenuta la più  grave. Il pm giudica «superficiale» la motivazione del Gip e  invita a considerare la mole dei carichi pendenti e dei  precedenti di polizia dell'indagato. Rispetto ai fatti  dell'Ikea, la ricostruzione della Digos, ribadisce il pm, mette  in evidenza il ruolo di «leader del gruppo Laboratorio Crash»  che giustifica «una prognosi di elevata attitudine» da parte  dell'indagato «a commettere nuovamente reati delLa stessa indole  di quelli in questa sede contestati».   «Rispettiamo la decisione del Gip - ha detto il procuratore  aggiunto e portavoce della Procura, Valter Giovannini - ma  riteniamo indispensabile un pronunciamento del tribunale del  Riesame». 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati