Nelle isole minori l'estate continua anche a ottobre

PALERMO. Sono le isole minori del Mediterraneo le preferite dagli italiani per le vacanze di questo periodo dell’anno. È un dato che emerge da un’indagine di Federalberghi sui flussi turistici nel Bel Paese nel periodo post-estivo. Una rivincita per queste destinazioni, soprattutto quelle del Sud che, grazie alla posizione nel Mediterraneo, beneficiano di una stagionalità più lunga, con giornate di sole e mare caldo anche in autunno. Isole da vivere e scoprire anche dopo la piena estate, come Pantelleria, che regala ottobrate da sogno, prezzi in saldo, cale finalmente orfane di bagnanti e barche all’ancora. «Per le Isole Eolie, come anche per Pantelleria – spiega Salvo Cambria dell’agenzia Conca d’Oro di Palermo –, gli alberghi hanno avuto un ottimo riempimento. La richiesta riguarda, soprattutto, una clientela in età avanzata. Alla ricerca dei prezzi bassi, le stagioni e il clima permettono di godere delle isole anche ad ottobre». Pantelleria, tra tutte, sembra aver avuto più successo. Con un sorprendente entroterra, l’isola è custode di tradizioni rurali espresse nella gastronomia delle rustiche trattorie in collina. Perché Pantelleria è un’isola agricola che contrasta l’aspetto spigoloso e scuro delle coste (Pantelleria è totalmente priva di spiagge sabbiose), con rocce e scogli di origine vulcanica, affacciati sul mare subito profondo, che rendono la Perla Nera non facile e non per tutti. L’entroterra, invece, mostra numerose coltivazioni terrazzate di capperi e dell’uva zibibbo, da cui nasce il rinomato passito. E tra le spiagge e gli scogli di origine vulcanica, Pantelleria offre anche un fitto intreccio di boschi di lecci, abeti e conifere, da far invidia alle lontane vette alpine, un paradiso per gli amanti del trekking: undici diversi itinerari su oltre 500 chilometri di sentieri e strade interne, provvisti di punti attrezzati con tavoloni e panche di legno per fare picnic all’ombra degli alberi. Luoghi da vivere al meglio proprio con il clima mite d’autunno. Il luogo più scenografico dell’isola, però, è sicuramente Cala Levante, una grande baia racchiusa alle due estremità da ciclopiche sculture naturali che si tuffano in acque blu: il Faraglione e l’Arco dell’Elefante (simbolo di Pantelleria). Attigua a Cala Levante, facilmente raggiungibile a piedi, c’è Cala Tramontana, anch’essa con facile discesa in acqua. Ma è Scauri il posto giusto per vedere il tramonto. Il borgo, dopo il capoluogo, è il centro più animato dell’isola. I prezzi a notte nei b&b dell’isola variano in base alle stagioni, ma proprio in questo periodo i prezzi si abbassano. In base all’hotel, si parte dai ai 400 euro(ad agosto) fino ai 250 euro (in bassa stagione).
FLA. PE.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati