Sicilia, Archivio

Gli ambulanti: a Gela pugno duro del Comune

Sono 435 i venditori che rischiano la revoca dell’autorizzazione. Il mercatino di via Madonna del Rosario rischia di essere soppresso

GELA. Il mercatino settimanale di via Madonna del Rosario rischia di essere soppresso per il mancato rispetto delle regole da parte di alcuni venditori ambulanti. Disagi anche per l’area mercatale di via Settefarine, dove l’amministrazione comunale minaccia di revocare le licenze ai commercianti inadempienti con i pagamenti della tassa di occupazione e posteggio. L’assessore alla Polizia municipale, Giuseppe D’Aleo, non usa mezzi termini e minaccia di allontanare chi non rispetta le regole.


«Se hanno un posto devono pagare - precisa D’Aleo -. Abbiamo inviato un sollecito per obbligare a regolarizzare la tassa di occupazione e posteggio. Chi non paga è fuori dalla concessione ma il debito sarà riscosso lo stesso. Abbiamo previsto anche una sanzione per tutti gli ambulanti morosi».


Sono 435 i venditori ambulanti del mercato del martedì che rischiano la revoca dell’autorizzazione. Il Comune ha fatto recapitare loro solleciti per regolarizzare le posizioni. Avranno tempo un mese; oltre tale termine scatterà la revoca immediata dell’autorizzazione. La retta annuale ammonterebbe a poche centinaia di euro, 200-300 con precisione a seconda degli spazi occupati e richiesti per le rispettive bancarelle. Secondo alcune indiscrezioni solo i 156 venditori gelesi sarebbero in regola con il pagamento ignorato, invece, dagli ambulanti non locali che ogni martedì si insediano in città nell’area di Settefarine.


La situazione è allarmante presso via Madonna del Rosario, dove a causa della sporcizia lasciata da alcuni ambulanti l’amministrazione comunale potrebbe decidere di sopprimere il mercatino rionale. «In via Madonna del Rosario, siamo intervenuti tre volte - conclude D’Aleo -. In quell’area c’è un’attenzione particolare. Se persiste lo stato di incuria saremo pronti a revocare il mercatino.


Naturalmente chi rispetta le regole non ha nulla di che temere ma se sbagliano e sporcano siamo pronti a sospenderlo. In questo caso però - incalza l’assessore comunale alla Polizia municipale - colpiremo tutti, senza alcuna remora». Sulla vicenda del mercato settimanale del martedì, i residenti del rione periferico di Settefarine erano intervenuti chiedendo all’amministrazione comunale di intensificare i controlli della polizia municipale per evitare continui ingorghi e lunghe code nell’arteria principale del rione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati