Adesso l’e-book vuole superare l’affascinante albo classico

Gli appassionati utilizzano siti come ComiXology, iBooks o l'italianissima Panini Digits per sfogliare gli albi preferiti durante la navigazione su internet, ma da qualche mese l'americana Image Comics segue una filosofia diversa, rendendo scaricabili i fumetti in formati come pdf o epub. Una scelta forte che corre il rischio di una diffusione illegale dei file che possono essere duplicati e diffusi in rete. L'editore punta sul buon senso degli appassionati ed i numeri di vendite on-line l'hanno già dichiarata vincente, con un aumento consistente.
Ma le piattaforme di lettura come i tablet sostituiranno la striscia a fumetti? Lo abbiamo chiesto al trapanese Marco Rizzo, editor per Panini Comics, sceneggiatore e giornalista: «Il boom degli e-book e degli e-comics va rapportato alle percentuali di un mercato che prima era pari a zero. Credo che il piacere ”feticista” della carta, che accumuna molti collezionisti come semplici lettori, non potrà essere soppiantato dalla praticità degli e-reader. C'è anche una questione di tradizione, di importanza del packaging. Al più le due versioni possono coesistere. In Usa la Marvel Comics allega un codice in ogni albo cartaceo per scaricare gratuitamente dalla propria app il digitale. Ammetto che viaggiando leggero riempio l'ipad di fumetti, ma quando torno a casa mi piace rivedere la mia libreria stracolma».
O. ES. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati