Stipendi deputati Ars, altro rinvio per i tagli

Sicilia, Politica

PALERMO. Nuovo rinvio per le legge che dovrebbe tagliare anche in Sicilia gli stipendi dei deputati e i contributi ai gruppi parlamentari. Il presidente della commissione Spending review non ha spedito il testo al presidente dell’Ars per chiederne il voto in aula. Il testo esitato dalla commissione ha fatto molto discutere perchè non aggancia la Sicilia alle norme nazionali, cioè al decreto Monti in vigore dal gennaio 2013. Il taglio agli stipendi è genericamente indicato nel 20% rispetto alle retribuzioni attuali ma in questo modo, senza un richiamo ai tetti nazionali, sarà più facile aumentare in futuro gli stipendi. E anche i contributi ai gruppi, che dovrebbero scendere dagli attuali 6,5 milioni a 700 mila euro all’anno sono stati tagliati solo fino a 5 milioni circa. Eccezioni che hanno fatto alzare il rischio di impugnative e per questo motivo Savona ha annunciato «una nuova riflessione sul testo finale, che potrebbe subire modifiche prima di essere spedito in aula per il voto. Attendiamo un confronto col presidente Ardizzone».


GIA. PI.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati