Concordia, sarebbero di una donna i resti trovati due giorni fa

GROSSETO.  Potrebbero essere di una donna, e non dell'indiano Russel Rebello, come ipotizzato dopo il ritrovamento, i resti trovati nella Costa Concordia due giorni fa. Lo si apprende da fonti inquirenti.
Sul cadavere ritrovato due giorni fa, al ponte 3 del relitto, ci sarebbero stati indumenti femminili che fanno presumere agli inquirenti che si tratti di una donna, e non di un uomo.
Il cadavere aveva infatt parti di reggiseno e calzature femminili scambiate per scarpe da jogging a causa della lunga permanenza in acqua.  
 Di conseguenza, l'ipotesi nuova è che i resti siano della passeggera italiana Maria Grazia Tricarichi. Intanto proseguono gli accertamenti del perito del tribunale, un medico della polizia di Stato, per dare un'identità al cadavere tramite l'esame del Dna.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati